Il sostegno della Diocesi alle zone terremotate

TERREMOTO MARCHE

CONTINUA LO SCIAME SISMICO MA CONTINUANO GLI AIUTI CONCRETI

E’ stata ampia e convinta la solidarietà espressa in questi mesi, dal nostro territorio, nei confronti delle popolazioni del Centro Italia, colpite dal terremoto. Tante realtà civili ed ecclesiali hanno promosso iniziative di raccolta fondi, aiuto concreto segni di vicinanza. La Diocesi di Forlì – Bertinoro, attraverso piccoli ma importanti gesti, ha partecipato a questa onda di solidarietà. Attraverso la colletta nazionale, indetta dalla CEI il 18 settembre 2016, sono stati raccolti 63.720 euro, inviati poi a Caritas Italiana che coordina le iniziative di ricostruzione e aiuto concreto. La Caritas Diocesana poi, in accordo con gli altri organizzatori, ha deciso di destinare metà del ricavato del Pranzo Solidale del 25 settembre 2016, invece che all’Emporio solidale, all’acquisto di un Prefabbricato ad uso Ambulatorio Dialisi, un progetto promosso da Formula Servizi in accordo con ASUR Marche Area Vasta n. 4 e la protezione civile di Forlimpopoli.

Infine la Diocesi ha donato 10.000 euro, derivanti dall’otto per mille, al Comitato per la Lotta contro la Fame nel Mondo per la realizzazione di una struttura antisismica polifunzionale a Caldarola, in provincia di Macerata, ora installata e che presto sarà inaugurata.

Grande impegno è stato speso poi per sostenere le persone dal punto di vista relazionale. Nello scorso periodo natalizio la Pastorale giovanile della nostra Diocesi, per esempio, ha dato disponibilità ad accogliere giovani del Centro Italia per esperienze di campi condivisi.

La Delegazione regionale Caritas, ha compiuto nei mesi, alcune visite e da subito ha attivato un coordinamento leggero tra le Caritas diocesane dell’Emilia Romagna. La nostra Regione Ecclesiastica è stata poi gemellata con quella delle Marche, insieme a Calabria, Liguria e Piemonte. Da fine ottobre 2016 è stata garantita una presenza costante di volontari che si sono alternati in un servizio di prossimità alle persone alloggiate negli alberghi lungo la costa.  Dalla prima fase di emergenza, si sta passando alla seconda fase, progettuale e di ricostruzione. In questo momento la delegazione Caritas Emilia Romagna, e quindi anche la nostra Caritas, è impegnata su più fronti, primo fra tutti il Gemellaggio con le Diocesi di Camerino e Fermo (in loco, e sulla costa). Un operatore è già presente, stabilmente, sul territorio, per portare avanti la fase progettuale e di ricostruzione del tessuto sociale e comunitario. L’attività principale è quella dell’ascolto e affiancamento delle persone, in attesa si concretizzino progetti socioeconomici da implementare. È dunque possibile recarsi sui luoghi colpiti per fare un esperienza di volontariato, di supporto alle Caritas e alle realtà che ogni giorno continuano senza sosta ad aiutare.

Per informazioni rivolgersi a Segreteria Caritas: 054330299 segreteria@caritas-forli.it