Report Povertà e Risorse 2016

"MISERICORDIANDO: VERSO UNA COMUNITà CHE SI PRENDE CURA"

Per la stesura del Rapporto è proseguita anche quest’anno la collaborazione con diversi uffici diocesani (Pastorale Sociale e Del Lavoro, Pastorale Della Famiglia, Pastorale Giovanile, Servizio Migrantes, Uff. Missionario e Past. Penitenziaria). Oltre agli articoli di approfondimento e alle analisi degli esperti (anche sotto forma di intervista - “Facciamo il punto con...”), ampio spazio nel Rapporto trovano i racconti delle storie di vita  (“La storia”) di alcuni utenti dei servizi Caritas e la descrizione approfondita di alcuni servizi e progetti della rete Caritas e delle organizzazioni della consulta OSA che hanno risposto al questionario. Come ogni anno, infatti, i dati sulle povertà e sulle risorse oggetto della presente rilevazione sono stati forniti dai Centri di Ascolto Caritas e da alcune Associazioni e Cooperative appartenenti alla Consulta degli Organismi Socio-assistenziali,  fra quelle che esplicano la loro attività nei settori delle accoglienze, animazione , erogazione di beni di prima e inserimenti lavorativi.

Anche quest’anno, la lettura delle povertà e delle risorse del nostro contesto diocesano nella lotta all'esclusione è stata effettuata in modo condiviso, sia mettendo a confronto i dati raccolti dal sistema Caritas con quelli di altre banche-dati locali (quai lo Sportello Sociale del Comune di Forlì, il Centro Servizi per l’Integrazione, l’Ufficio Studi della Camera di Commercio e il dato sugli sfratti del Tribunale di Forlì), sia realizzando 7 focus-group per l'analisi dei dati e l'individuazione di prospettive per il futuro.

Dal lavoro così realizzato emerge un quadro della povertà in via di consolidamento: accanto al disagio di coloro che in modo persistente (o nei casi più gravi, cronico) sperimentano difficoltà legate alla mancanza di reddito e/o di lavoro, vanno sommandosi le situazioni più estreme vissute da chi, costretto a fuggire dal proprio Paese a causa di guerre/conflitti o povertà estrema attraverso viaggi spesso fatti in condizioni disperate, arriva nel nostro territorio in cerca di protezione. Emerge inoltre con chiarezza come, la risposta a queste differenti e plurime situazioni di disagio esiga, da un lato, persistenti erogazioni di servizi di “primo soccorso” assistenziale (mense, dormitori, docce, distribuzione indumenti, visite mediche,...) per fronteggiare le emergenze e i nuovi arrivi; dall'altro, appare evidente come, le risposte al disagio, spesso intermittente, e alle situazioni di diffusa fragilità chiedano al sistema degli aiuti di essere ripensato in profondità, andando sempre più verso la costruzione di un welfare generativo e diffuso, basato su risposte condivise e comunità accoglienti.

Il 27 aprile 2017 è stato presentato il Report presso l'aula 15 del Teaching Hub, al Campus Universitario di Forlì.




Il Video di  presentazione del progetto: "Misericordiando: verso una comunità che si prende cura"



In allegato:

-  slides intervento Elena Galeazzi:presentazione Dati Report

- slides intervento Nicoletta Pavesi: “Verso una comunità che si prende cura: quali percorsi possibili?”